I segreti per una perfetta pedalata rotonda

Come negare il fascino di una perfetta pedalata rotonda? Osservando attentamente l’elegante gesto atletico di un ciclista professionista, sarà possibile notare come le spalle restino immobili mentre le gambe spingono sui pedali come stantuffi.

Senza voler scomodare mostri sacri come Miguel Indurain, tra i più eleganti ciclisti di sempre, cerchiamo di capire come sia possibile ottenere un rendimento di pedalata ottimale, al fine di ridurre l’affaticamento e sfruttare al massimo l’energia che la nostra preparazione fisica ci consente di produrre.

Per pedalare in modo corretto, il piede deve appoggiare sul pedale di punta ed essere parallelo al telaio e al terreno. A questo fine è utile apprendere la pedalata rotonda, vale a dire quel movimento che tende ad eliminare il punto morto di ogni rivoluzione completa. Facendo muovere le gambe in scioltezza si contribuisce a mantenere i muscoli efficienti, evitando quindi i crampi. La pedalata rotonda non è solo l’effetto della spinta sul pedale, ma è frutto di una perfetta applicazione della forza in ogni punto della rotazione, e della combinazione di un piede che spinge e l’altro che tira con grande armonia.

Sappiamo che nel ciclismo i muscoli coinvolti sono tanti. Proprio per questo, durante le prime uscite, dobbiamo far girare le gambe in scioltezza, arrivando ad utilizzare i rapporti più duri solo gradualmente. Inizialmente, quindi, utilizzeremo i rapporti leggeri, che consentono più giri completi di pedale e sono più adatti alla salita, per affaticarci di meno e per cominciare a fare fiato.

È bene pensare di accumulare almeno 400 km di allenamento in pianura, limitandoci a qualche dolce salita. Durante le prime uscite, quindi, potremo prevedere di coprire distanze tra i 35 e i 50 km, a seconda di quale sarà la nostra abitudine alla sella, per almeno due volte alla settimana, ricordandosi di prevedere l’indispensabile recupero. Con l’aumentare dei chilometri percorsi si può cominciare a lavorare anche sul potenziamento nel ciclismo e intensificare l’attività.

Altri Post