Allenamento della forza nel ciclismo in palestra

La Leg Press può essere utilizzata per l’allenamento della forza nel ciclismo ma i muscoli lavorano diversamente dalla bici

Macchine e pesi in palestra per l’allenamento della forza non possono riprodurre i movimenti, gli angoli di lavoro e le catene cinetiche uniche del ciclismo.

Usare pesi e macchine pensate per i culturisti non è infatti privo di controindicazioni. Si compiono movimenti diversi, generalmente lineari e con carico anche negativo. La forza aumenta ma i muscoli lavorano diversamente dalla bici e dopo ci sentiremo legati.

Solo quando lasceremo del tutto la palestra, gradualmente ricominceremo a pedalare con scioltezza. A quel punto avremo perso anche la forza guadagnata, mentre se avessimo una macchina specifica per l’allenamento della forza nel ciclismo, potremmo continuare ad usarla sempre e mantenere la forza tutto l’anno.

Traiettoria curva, angoli di lavoro, appoggio del piede, catene muscolari coinvolte, sono tutte peculiarità del ciclismo che nessun attrezzo al mondo mai inventato fino ad oggi presenta contemporaneamente.

Bikestepper sostituisce gli allenamenti per la forza fatti in palestra con macchine e pesi pensati per il culturismo e non per il ciclismo. Si affianca agli allenamenti per la forza fatti in bici, aumentando la possibilità di carico e isolando il movimento di spinta secondo le traiettorie e gli angoli corretti per allenare la forza nel ciclismo.

Allenamento della forza nel ciclismo: la base per migliorare la prestazione

Perché allenare la forza se è dimostrato che conviene pedalare agili? Tutti sanno che i Watt costituiscono con buona approssimazione la potenza erogata dal motore del ciclista, e che è conveniente pedalare a cadenze elevate. Con un misuratore di potenza vediamo subito come aumentando la cadenza aumentano anche i Watt, mentre quando pedaliamo duro o facciamo allenamenti di SFR i Watt prodotti sono meno, anche se stiamo usando molta più forza.

Questo perché i Watt sono il prodotto della forza applicata al pedale per la velocità di esecuzione, la cadenza appunto, e quindi conviene pedalare agili per produrre gli stessi Watt con minor impiego di forza, preservando i muscoli. Ma ciò non vuol dire che basta pedalare agili e la forza non serve!

A cadenze elevate entra in gioco il consumo di ossigeno ed è quindi necessario per ciascuno trovare la propria cadenza ottimale. Di conseguenza la velocità del mezzo dipenderà solo dal rapporto utilizzato per far avanzare la bici a quella cadenza, e in ultima analisi dalla forza a disposizione. Più forza equivale quindi a più Watt, alla cadenza ottimale di ciascuno!

Detto questo è conveniente pedalare agili, ma per migliorare la nostra prestazione la forza è certamente una variabile su cui si deve lavorare per poter aumentare i propri Watt.