Curva di potenza dopo una settimana

Sensazioni, e dati, dopo solo una settimana di Bikestepper (usato 20/25′ prima di uscire in MTB).

Sento la gamba molto più “reattiva” soprattutto nelle ripartenze da cadenza bassa. Nei tratti tirati brucia molto meno e “chiede” sempre un rapporto più duro, che spinge con facilità! FTP aumentata di 3w in una settimana!

È soprattutto wattaggi medi sulle potenze anaerobiche aumentati drasticamente (4/5% in più) in una settimana

Antonio Lo Vecchio – Conversano (BA)

 

Incremento dopo due settimane di uso

Premesso che non sono un velocista (MTB, 43anni, passista…) Passare da 918w a 999w (misurati con SRM) in due settimane di utilizzo mi sembra un risultato ENORME! ho provato tanti “strumenti” per l’allenamento (rotopre@@, powercran@@, ho una palestra a disposizione…) Non avevo mai sentito tanta crescita in così poco tempo

Antonio Lo Vecchio – Conversano (BA)

 

 

 

 

Primo assoluto alla Rampichiana 2018

Sono sempre più impressionato dai risultati che sto ottenendo … ringrazio Nicola Morales per questa opportunità
Schematizzo le mie sensazione e i miei test:

SENSAZIONI…..gamba sempre pronta a far fatica
FORZA …. aumentato dai 20/30 w
PEDALATA ….più rabbiosa e efficace

POSSO SOLO SUGGERIRVI DI USARLA CON UNA METODOLOGIA APPROPRIA , ABBINATA A DEGLI ALLENAMENTI MIRATI

Nicola Corsetti – Pratovecchio (AR)

In azione alla GF di Monteriggioni 2018

Buongiorno, volevo condividere con voi le sensazioni che ho avuto usando per 3 mesi il Bike Stepper. In gara riesco a tenere un ritmo di cadenza-pedalata che prima non mi immaginavo di tenere. Pensavo che Bikestepper lavorasse solo sulla forza, ma non sulla frequenza. Ovviamente a pari rapporto faccio molta più strada, mi stanco molto meno e ottengo delle performance di tutto rispetto. Alla gara di Monteriggioni, 2° di categoria (dietro a Perini) e 61esimo assoluto con almeno 40 Élite davanti: a 55 anni per me era impensabile.

Grazie Nicola Morales di avermi fatto scoprire questa macchina infernale!

Valter Valleri‎ – Firenze

 

 

 

 

 

 

Bikestepper all’Università di Brescia

Grazie mille a Nicola Morales per averci fornito un Bikestepper per realizzare uno studio scientifico sull’allenamento della forza nel ciclismo in collaborazione con un’Università.

Il nostro obiettivo è valutare come questo strumento permetta di aumentare l’attivazione dei muscoli stabilizzatori del ginocchio (sartorio, gracile e abduttori), perché non esiste solo il quadricipite. Questo potrebbe portare a una maggiore stabilità del ginocchio in spinta, riducendo la medializzazione e quindi migliorando l’espressione di potenza ma aprendo anche la possibilità di usi riabilitativi.

Infine vorremo capire se anche a livello dei muscoli che stabilizzano il bacino (lombari e addome) si abbia un rafforzamento, per migliorare quindi anche la postura. In ogni caso ci tengo a dire che lo studio viene effettuato in modo gratuito per cui diremo quello che troveremo senza influenze.

Complimenti a Nicola per aver voluto sottoporre il suo attrezzo a una prova scientifica, perché moltissimi altri strumenti nel ciclismo vengono promossi come miracolosi senza uno straccio di validazione scientifica

Omar Gatti – Monza

 

Quest’anno sempre primo assoluto!

Salve a tutti , dopo 2 mesi di tabelle e allenamenti su Bikestepper è giusto tirare un po’ le somme.
1) Soddisfatto ampiamente della mia forma attuale
2) risultati sul test: incremento 6 rpm e 20 w
Conclusioni: ottimo strumento per stimolare la max capacità di reclutamento neuro-muscolare…gamba piena e non appesantita!
Grazie

Nicola Corsetti – Pratovecchio (AR)

Primo di categoria alla GF di Rosia 2018

Anche domenica nonostante la sfortuna delle 2 forature, sono andato molto bene, mi sono impressionato per aver pedalato per 3,15h sempre in crescendo, nn ho avuto ne crampi ne cedimenti di forza, grazie Bike Stepper per gli allenamenti mirati settimanali di soli 20 minuti, 1 al mantenimento, 1 alla forza esplosiva, 1 forza massimale

Valter Valleri‎ – Firenze

 

 

 

 

 

 

 

Spinte dure

Ciao ragazzi, quando Nicola Morales mi portò il Bikestepper non riuscivo a spingere con il manettino aperto, 1 giro e mezzo 1 giro del tutto chiuso. C’è un video di qualche mese fa dove spingo molto scomposto a dire il vero a un giro dal tutto chiuso…

Beh, questi 5 mesi mi hanno portato a spingere a 10 gradi dalla totale chiusura e in modo composto. Secondo i calcoli di Nicola la mia spinta arriva vicina a 200 kg per gamba. Un dato: la mia cadenza massima sui rulli liberi (la qualita coordinativa che andrebbe allenata da giovane, non a 37 anni…) è passata da 170 a 196 rpm al minuto ed è sempre cresciuta. Pure il wattaggio sull’ergo trainer è cresciuto. Mi sembra che di sicuro ci sia un visibile miglioramento imputabile ad un aumento della forza in spinta e stabilità del core grazie a questo attrezzo. In bici con il Lemmond nelle partenze i dati sono passati da 1500 a 1590 watt. Che dire….grazie Bikestepper!

Vladimiro Righetto – Vigonza (PD)

 

 

Salve a tutti, sono abbastanza nuovo in questo gruppo e vorrei condividere le mie prime impressioni sul Bikestepper di Nicola Morales, avendolo acquistato da poco tempo.

Ho letto diverse critiche sul fatto che non esercita completamente l’intera muscolatura delle gambe durante la pedalata, ma secondo il mio personale e modesto parere è proprio quello che lo rende funzionale. Posso solamente dire che lo uso da un mese, due volte a settimana, circa venti minuti, facendo due o tre piramidali, dopodiché uso i rulli o esco un’oretta in bici. In tutta onestà, dopo anni di bici, di rulli, di spinbike, tutte le volte che dopo il Bikestepper vado in bici la differenza di pedalata e di forza io la avverto sensibilmente. C’è da dire che non uso cardio ne misuratore di potenza e quindi non ho parametri, se non il tempo impiegato a fare i miei giri. Ebbene, in questo mesetto, dopo un paio di anni di stallo, finalmente un miglioramento sensibile è arrivato.

Scusate la prolissità, volevo solamente fare una testimonianza sulla bontà di questo attrezzo.

Giovanni Santi – Sansepolcro (AR)

Nicola Morales di Bikestepper mi ha lasciato in prova un suo attrezzo che, nel corso dell’inverno, cercherò di testare… certo, non lo farò con tutti i protocolli dovuti, purtroppo, di lavoro faccio altro e il tempo a disposizione è limitato, però, lo strumento mi incuriosisce e quindi colgo l’occasione.

Mi ero preposto un primo ciclo di 3 settimane, con 4 uscite brevi settimanali e 3 allenamenti settimanali sulla forza usando Bikestepper, fatti a giorni alterni, prima della uscita in bicicletta… Purtroppo, la terza settimana è saltata in quanto il trasloco di mia suocera ha avuto la priorità!

Questi, comunque, sono i risultati delle prime due settimane:
Prima settimana:
Curva P/V picco 848 watt a 100 rpm; 724 watt a 69 rpm; 548 watt a 174 rpm
Incrementale: 259 watt a S.A.; 310 watt a fine test
Salita di 3 km, dislivello 185 mt, tempo 10’03”, a 310 watt.
Seconda settimana:
Curva P/V picco 953 watt a 102 rpm; 838 watt a 71 rpm; 658 watt a 180 rpm
Incrementale: 271 watt a S.A., 325 watt a fine test
Salita di 3 km, dislivello 185 mt, tempo 9’36”, a 325 watt.

Sinceramente, i miglioramenti del test, non hanno per me un gran valore. Avevo fatto di recente gli stessi valori e forse anche qualcosa di meglio e in occasione del primo test non mi sentivo granché bene e poi, essendo la prima volta che facevo forza prima del test, l’ho sentita tutta…

Però, quel 9’36” sulla salita, fatico a spiegarmelo! Il mio miglior tempo ultimamente era stato un 9’54” e per trovare una prestazione migliore, devo risalire ai tempi in cui il ciclismo lo facevo con più regolarità e meno acciacchi!
Ripeto, quello che ho fatto e che farò prossimamente non vuole avere una valenza scientifica ma comunque vado avanti. Presto comincerò con allenamenti sistematici su ragazzi triatleti nel pieno delle forze, confrontando il tutto con altri ragazzi che fanno lavori simili senza Bikestepper… il seguito alla prossima puntata!

Ercole Della Torre – Rimini

Bikestepper coinvolge in profondità i distretti muscolari delle gambe che concorrono alla fase di spinta della pedalata da ore 3 ad ore 6. Non solo! L’opportunità di avere grossi carichi di intensità promuove anche l’utilizzo della catena cinetica e muscoli del CORE che stabilizzano il busto durante l’esercizio.

Tutto ciò, visti i risultati emersi dal test si traduce in un miglioramento coordinativo e prestativo della pedalata riuscendo così ad affrontare la salita con un rapporto più duroaumentando così la velocità di percorrenza ma, al tempo stesso, percependo la stessa sensazione di sforzo.

Questo è possibile grazie appunto al lavoro precedente svolto indoor abituando i  muscoli e l’organismo a richiamare più fibre per quella specifica fase di movimento che all’aperto ci si ritrova come credito da poter utilizzare.

Eseguendo indoor le ripetute, si hanno molteplici vantaggi:

  • Concentrazione maggiore sul controllo del movimento;
  • Utilizzo di altissima resistenza che può essere regolata con grande precisione;
  • Sicurezza nell’esecuzione degli esercizi;
  • Grande stabilità della struttura.

Conclusione personale sull’utilizzo durante la stagione: come per tutti i lavori che vanno a stimolare le qualità specifiche nel ciclismo anche la forza va richiamata periodicamente. È risaputo che tali richiami, considerando i residui sulla brillantezza del gesto, vanno calendarizzati considerando un tempo di metabolizzazione.

Ora non chiedetemi il perché, ma questi lavori eseguiti su Bikestepper non appesantiscono la pedalata, che rimane sempre fluida e brillate.

Francesco Trebbi – Rimini

Trasformazione sui rulli

È un po’ che ho la possibilità di usare Bikestepper e devo riconoscere che ne sto sentendo un tangibile beneficio. A dire il vero ho fin da subito avvertito un miglioramento quando uscivo in bdc, eseguivo il Bikestepper prima di partire…5-10 minuti mi vestivo e salivo in bici e mi accorgevo che fin da subito arrivavo alla cadenza prefissata circa 100 rpm con 53:21….mentre prima impiegavo almeno 5.6 km.

Alla luce di questo ho iniziato a praticarlo anche prima delle mie sessioni di ergo trainer sul Lemmond e man mano le mie prestazioni in watt sono aumentate!

Oggi sono riuscito a superare la mia massima prestazione toccata prima dell’Europeo. Con la non trascurabile differenza che quello era il mio picco stagionale mentre ora sono sotto un bel carico di lavoro, quindi per me è un gran pollice all’insù e sono curioso di vedere dove posso arrivare continuando a usare questo valido strumento.

Vladimiro Righetto – Vigonza (PD)

Opinioni su Bikestepper ultima modifica: 2018-04-09T15:52:21+00:00 da Nicola Morales